Salta al contenuto principale

Drosera e altre carnivore

La povertà e la scarsa disponibilità di nutrienti del suolo della torbiera hanno favorito alcune specie, quali ad esempio le drosere (Drosera rotundifolia) e le pinguicole. Queste ricavano l’azoto, necessario alla crescita, dagli insetti che catturano con le foglie vischiose e digeriscono grazie ad enzimi secreti dai peli ghiandolari: da qui il loro suggestivo appellativo di “piante carnivore”. Sono specie piccolissime, misurano al massimo pochi centimetri, dotate di una rosetta di foglie basali e un sottile fusto fiorale eretto.

@Federica Gironi - Drosera rotundifolia

Al Paluaccio si trova un’altra piantina carnivora molto speciale: Utricularia minor, detta “erba vescica minore”. Vive immersa completamente nell’acqua e possiede caratteristiche vescichette che agiscono sia da galleggianti che da minuscole trappole. Sono piene di aria e hanno piccole setole all'estremità: quando le setole vengono toccate, ad esempio da un piccolo crostaceo, la trappola si apre (circa 15 millisecondi) e l'animale viene risucchiato dentro la vescichetta dall'afflusso di acqua, fornendo alla pianta i composti azotati che scarseggiano nell'habitat in cui vive.

@Federica Gironi - Drosera rotundifolia

 

Foto: @Federica Gironi - Drosera rotundifolia

Comunità Montana Alta Valtellina

Via Roma, 1
23032 Bormio (SO)
Codice fiscale: 92002450143
Tel. +39 0342 912311
Fax +39 0342 912321
Codice IPA: cm_avalt
Codice univoco: UFBSVQ
info@cmav.so.it
cmav@pec.cmav.so.it

Accessibilità

Orari

UFFICI
mattino: da lunedì a venerdì 
dalle 08:30 alle 12:00 e 
pomeriggio: da lunedì a giovedì
dalle 14:00 alle 17:00
venerdì: dalle 08:30 alle 12:00

UFFICIO PROTOCOLLO
da lunedì a venerdì dalle 08.30 alle 12.00

torna all'inizio del contenuto